L’editoria digitale offerta da Landoor

Per un editore che intenda rispondere con efficacia e successo alla moderna sfida digitale, Landoor è il partner di riferimento indiscusso per la traduzione e localizzazione di libri elettronici e materiali multimediali.

Al know-how ampiamente riconosciuto dei suoi traduttori e redattori specialistici, con una trentennale esperienza maturata a fianco di prestigiose realtà editoriali internazionali, il reparto editoriale di Landoor dispone di una dotazione tecnica di ultima generazione e una competenza avanzata nelle nuove tecnologie digitali.

Queste combinazioni consentono di offrire sia la traduzione e localizzazione di prodotti digitali nati cartacei e poi convertiti in versione elettronica sia quelle di prodotti pensati fin dall’inizio per le interfacce software di computer e dispositivi mobili.

Grazie all’impiego di tecnologie sofisticate Landoor è particolarmente competitiva sul mercato della localizzazione di libri digitali, ovvero di testi in formato elettronico concepiti per la fruizione su interfacce di e-reader, tablet, smartphone e PC.

Formati dei file per l’editoria elettronica

Con la sua Divisione IT e in sinergia con la Divisione Editoriale, Landoor opera al fianco di editori, enti e istituzioni pubbliche, centri di ricerca e università, per la messa a punto di testi in formato elettronico anche estremamente complessi, per i quali sono necessari processi di codifica di livello avanzato.

Siamo in grado di operare con i più disparati formati, tra cui il classico PDF (per l’impaginazione fissa) e i file HTML ed ePub (per l’impaginazione mobile), eventualmente anche con un’opportuna conversione dai formati di impaginazione più tradizionali per l’editoria cartacea (InDesign, FrameMaker) a quelli per l’editoria elettronica.

Linguaggi di markup per il text processing

Il nostro reparto IT è in grado di elaborare i testi sia con linguaggi procedurali (ad esempio RTF, che consente di mantenere la formattazione e le immagini presenti in un documento ma è scarsamente portabile da una piattaforma all’altra), sia con linguaggi dichiarativi (ad esempio HTML e XML).

Questi sono impiegabili su tutti i sistemi operativi (MacOS, Windows, Linux ecc.), su ogni supporto digitale (hard disk, smartphone, tablet, pagine web), e mediante qualsiasi software per l’editing dei testi.

Visualizzazione dei file XML

Per visualizzare i testi codificati in linguaggio XML è necessaria l’associazione con dei fogli di stile. I due formati più diffusi sono attualmente XSL e CSS.

Il primo è uno standard avanzato che permette di definire le caratteristiche di stile del documento, ma anche di modificarle e trasformarle.

Il linguaggio CSS è meno sofisticato: consente senza difficoltà l’applicazione di regole stilistiche agli componenti del markup ma preclude le modifiche.

Ti serve il nostro aiuto?